Religione

Bullshit

Pare che monsignor Rino Fisichella - nell'ansia di giustificare la concessione del sacramento della comunione al divorziato Silvio Berlusconi -  abbia detto un numero piuttosto impressionante di - diciamo - "cose imprecise". Malvino affonda il coltello.


Malvino

Non torna. Anzi, non Torno

Oggi sul Corriere della Sera c'è un'articolessa di Armando Torno che ricapitola le voci che si sono levate negli States a difesa di Benedetto XII. Tra gli esempi citati, però, ce n'è uno ferocemente critico con il Vaticano. A parte l'esempio abbastanza centrato, cioè  la column di Ross Douthat  sul NYT che fa esattamente quello che deve fare - il controcanto conservatore alle altre column e agli editoriali liberal del quotidiano di New York -, la cosa più divertente dell'articolo, infatti,  è l'uso spregiudicato di un pezzo di Hendrik Hertzberg apparso sul numero di questa settimana del New Yorker. E qui davvero non ci siamo: Torno ricapitola i pochi apprezzamenti al lavoro di Ratzinger  e si dimentica della parte finale del pezzo che riporto qui per dare l'idea del tono dell'intero articolo


It is not “anti-Catholic” to hypothesize that these things may have something to do with the Church’s extraordinary difficulty in coming to terms with clerical sexual abuse. The iniquities now roiling the Catholic Church are more shocking than the ones that so outraged Martin Luther. But the broader society in which the Church is embedded has grown incomparably freer. To the extent that the Church manages to purge itself of its shame—its sins, its crimes—it will owe a debt of gratitude to the lawyers, the journalists, and, above all, the victims and families who have had the courage to persevere, against formidable resistance, in holding it to account. Without their efforts, the suffering of tens of thousands of children would still be a secret. Our largely democratic, secularist, liberal, pluralist modern world, against which the Church has so often set its face, turns out to be its best teacher—and the savior, you might say, of its most vulnerable, most trusting communicants.

Corriere della Sera, New York Times, New Yorker


Ex cathedra

Lancet si chiede come mai il papa quando dice una cosa falsa - e    quella sull'uso dei preservativi che   non fa altro che peggiorare  l'epidemia di HIV in Africa è una cosa falsa - non senta il dovere di correggersi.

But the comment still stands and the Vatican’s attempts to tweak the Pope’s words, further tampering with the truth, is not the way forward. When any influential person, be it a religious or political leader, makes a false scientific statement that could be devastating to the health of millions of people, they should retract or correct the public record.


Financial Times