Ma queste non sono flat-tax e reddito di cittadinanza

Per Google una difficile maturità

 

Google ha appena compiuto 20 anni. La compagnia di Mountain View è stata, infatti,  fondata da Larry Page e Sergey Brin il 4 settembre 1998 anche se, da molti anni, la data ufficiale del «compleanno» è stata spostata al 27 settembre. Allora - come scritto in un post celebrativo sul blog della societa in cui si annunciano miglioramenti alle ricerche online - l’obiettivo «era quello di organizzare le informazioni del mondo e renderle accessibili e utili. Sembrava una missione incredibilmente ambiziosa all’epoca, anche considerando che nel 1998 il web consisteva in appena 25 milioni di pagine, grosso modo l’equiva- lente dei libri in una piccola biblioteca». Un obiettivo riuscito: Google è diventato il motore di ricerca più utilizzato al mondo grazie all'efficienza dei suoi algoritmi.

Ma con la crescita sono iniziati i problemi. La società di Mountain View delle origini aveva una fortissima componente etica oltre che obiettivi utopistici. Il motto aziendale, spaventosamente semplice e spaventosamente impegnativo, era «Don't Do Evil», semplicemente «Non fare il male». Ma l'afflato originario fa fatica a sopravvivere in una struttura aziendale profondamente cambiata. E il motto stesso è scomparso dal codice etico della corporation.

Prendiamo il caso della falla nella sicurezza di Google+, lo sfortunato social network dell'azienda, di cui siamo stati informati la settimana scorsa. L’errore - molto grave - ha consentito agli sviluppatori esterni alla società di vedere le informazioni sui profili di mezzo milione di utenti. Fra queste nomi, indirizzi email e occupazione. Il problema software ha interessato un lungo arco temporale: dal 2015 a quest’anno, quando è stato scoperto. Il che vuol dire che ha consentito a 448 app di vedere le informazioni sensibili degli utenti. Un caso della stessa portata di quello di Cambridge Analytica che ha messo sotto scacco Facebook. Ebbene la società non ha avvertito nessuno della breccia e solo dopo che il Wall Street Journal ha divulgato l'informazione ha annunciato di aver chiuso agli utenti «privati» Google+ che molto presto sarà chiuso. Un comportamento quasi omertoso che tra l'altro potrebbe causare problemi seri alla società anche se il «bug» è stato riparato prima della partenza della nuova legge sulla privacy europea. Ma che dimostra che Google ormai è una corporation come le altre.

Analisi uscita sulla Gazzetta di Parma del 15 ottobre 2018

Commenti