L'ovulo fertilizzato non è una persona
«Possiamo andare a letto tranquilli»

Una promessa è (purtroppo) una promessa

Molti si chiedono il perché di quello che sta succedendo ai titoli di stato italiani oggi. Il problema è che i mercati sanno che non abbiamo tutto il tempo che Berlusconi - che non si è dimesso, ma ha promesso di dimettersi dopo aver fatto una cosa praticamente impossibile senza avere una maggioranza parlamentare - pretende per farsi da parte.

In più - come ho scritto qui -  nessuno si fida "delle prospettive di un paese il cui leader non riesce neppure a far passare il rendiconto dello stato - senza l'astensione dell'opposizione - e spera di riuscire a far digerire a un parlamento che non controlla più misure durissime per tutti gli elettori. Secondo me - e immagino qualunque persona con un minimo di razionalità - B. sta avvelenando i pozzi e distruggendo i ponti. Il mercato si regola di conseguenza."  Che la situazione sia gravissima, ma non tragica - come argomenta Aldo Lanfranconi  su Noise From Amerika - è secondario rispetto alla dinamica delle aspettative su cui ragionano i trader.

Una soluzione? Purtroppo non la vedo perché come dice Carlo - sempre nello stesso thread su Friendfeed - "siamo incartati peggio di prima".

paferrobyday, noiseFromAmeriKa, Friendfeed

Commenti