Previous month:
maggio 2011
Next month:
luglio 2011

giugno 2011

Cosina

«Non abbiamo messo le mani nelle tasche degli italiani ma qualche "cosina" la abbiamo pensata, ma sono cose di pochissimo conto: pensavamo, ad esempio, di eliminare il bollo auto ma ci sembrava logico che per grandi auto si potesse fare una piccola aggiunta».

Quindi non tolgono il bollo, ma l'aumentano per le "grandi auto". 'Na cosina, comunque. Du' spicci.

Silvio Berlusconi durante la conferenza stampa per la presentazione della manovra


Coglioni

Mark Halperin, editor at large di Time e collaboratore di MSNBC, ha dato del coglione (dick) in diretta a Obama durante uno dei più popolari show del mattino della tv Usa, Morning Joe. Il problema è che, nonostante gli avvertimenti del conduttore Joe Scarborough,  nessuno è riuscito a rimediare la situazione e  il girato è andato in onda senza nessun tipo di editing. Così ora Halperin, Scarborough e la rete sono stati costretti a scusarsi. Come un branco di coglioni.

According to Scarborough, there had been a mishap with the seven-second delay button – a new executive producer apparently didn’t know how it worked. “You are supposed to know how to do the job,” Scarborough said of his producer. “I would tell you what I think of him, but he doesn’t know what button to push.”

Politico

update: MSNBC ha sospeso Halperin a tempo indeterminato (TvNewser)


«Com’era dolce la vita prima della Rivoluzione»

Giovanni Cocconi - che è nato a Parma,  è stato per anni mio compagno di banco alla Gazza e ora vive tra Roma e Firenze -  riflette sulla crisi che sta inghiottendo il sindaco "simpa"  e la sua giunta.

La Parma degli ultimi anni sembrava ubriaca di feste ed happy hour, di ore piccole e divertimento. Quattro anni fa votò come sindaco un ex formidabile pierre con il pallino dell’ambiente e della mobilità sostenibile. No, non è la Parmalat di Calisto Tanzi la metafora della Parma di questi anni, ma la parabola di Matteo Cambi, ex inventore del marchio Guru sprofondato nei debiti, nella cocaina, in un’immagine di sé lontana dalla realtà. Si dirà, ma la città resta ai primi posti di tutte le classifiche sulla ricchezza pro capite, la qualità della vita, l’ambiente. Vero, ma questo livello di benessere è stato pagato a caro prezzo e oggi Parma si ritrova a rischio bancarotta. Tanto che il commissario di fatto, l’amministratore della holding comunale Stt, Massimo Varazzani, dice apertamente di essere alle prese con «una missione più difficile di quanto pensassi».

Quer pasticciaccio brutto de via Farini, insomma.

Europa

 


La politique des auteurs

Google ha deciso di premiare con una fotina gli autori di alcuni articoli - ritenuti di qualità - che compaiono nei risultati di ricerca.

In an attempt to improve the quality of Google’s Search results, the company is rolling out a new feature that will prominently display the authors of certain articles within search results. “Authorship is a great way to identify and highlight high-quality content,” Google Product Manager Sagar Kamdar said in a company blog post. “Plus, the web is centered around people. People discovering content on the web often want to learn more about its author, see other content by that author, and even interact with the author.” The new highlighting places a picture of an author to the right of an article he or she has written, along with a link to his or her Google Profile.

Mashable


Perché aspettare?

Politico, il sito web che copre la politica Usa in modo specialistico e fantasticamente ossessivo, ha annunciato un progetto per vendere e-book assieme a Random House. Naturalmente il soggetto sarà la campagna presidenziale. Il primo volume è atteso per Natale, cioè ben prima che la corsa alla Casa Bianca abbia ufficialmente inizio.

The all-things-politics Web site is teaming up with Random House to publish four e-books about the 2012 presidential campaign, the first of which is scheduled to go on sale sometime before Christmas. Each will be in the 20,000- to 30,000-word range and written by Mike Allen, right, Politico’s chief White House correspondent, and Evan Thomas, a longtime political reporter who has written for Time and Newsweek. Their model is untested in political journalism. Typically, lengthy, detailed accounts from inside presidential campaigns come long after the election has been decided. But Politico and Random House hope they can pull together definitive, if somewhat incomplete, accounts of the campaign in real time.

Politico


Ma chi interpreterà Julian Assange?

Ci sono almento cinque progetti cinematografici sulla storia di WikiLeaks. Alcuni segretissimi. E per ora gli unici che stanno guadagnando qualcosa sono i giornalisti che hanno venduto i diritti dei libri da loro scritti su Julian Assange e sulla storia del sito a Hollywood.

Newspapers and journalists are cashing in on WikiLeaks’ war on secrecy as Hollywood studios scramble to buy the “life rights” to key characters involved in 2010’s publication of thousands of classified documents. At least five film versions of the WikiLeaks story are in development from groups including DreamWorks, HBO, the BBC and Universal Pictures. This has set off a fight for exclusive adaptation rights to the books and articles published about the saga.

Financial Times


Arcana Imperii

Secondo Geoffrey R. Stone, collega di Barack Obama alla facoltà di legge dell'Università di Chicago e chairman del board dell'American Costituition Society, il presidente non è riuscito a tener fede alle sue promesse di una Casa Bianca più aperta e con meno segreti rispetto a quella di George W. Bush.

As a longtime supporter and colleague of Barack Obama at the University of Chicago, as well as an informal adviser to his 2008 campaign, I had high hopes that he would restore the balance between government secrecy and government transparency that had been lost under George W. Bush, and that he would follow through on his promise, as a candidate, to promote openness and public accountability in government policy making. It has not quite worked out that way. While Mr. Obama has taken certain steps, notably early in his administration, to scale back some of the Bush-era excesses, in other respects he has shown a disappointing willingness to continue in his predecessor’s footsteps.

New York Times


La vera ragione per chiedere le dimissioni del sindaco di Parma

Posso pure transigere sulla storia delle mazzette sul verde pubblico e sul fatto che il Comune e le sue partecipate abbiano un rating creditizio simile a quello greco, ma, sinceramente,  iniziare la stagione degli spettacoli estivi con Kool & The Gang, ma pare un filino troppo anche per uno accomodante come me.

paferrobyday, Comune di Parma