Previous month:
giugno 2010
Next month:
agosto 2010

luglio 2010

Guerra psicologica

Tra i tanti documenti riservati resi pubblici da WikiLeaks ce ne sono anche alcuni che dimostrano - senza ombra di dubbio - come  il Pentagono paghi i giornalisti afghani per fare un modo che raccontino le cose in modo favorevole per gli alleati e come produca  materiale di propaganda da trasmettere - a pagamento - dai media afghani.

The Newsroom (Yahoo!)


Ma non cambierà nulla

Secondo il Washington Post la pubblicazione dei documenti forniti da WikiLeaks non cambierà la percezione che il pubblico USA ha della guerra in Afghanistan. Nel senso che già ora non è che gli americani siano troppo convinti dello sforzo bellico. Però  manca qualcuno che dia voce a livello politico a questa scontentezza di fondo.

Lawmakers said that the trove of documents may harden opposition but is unlikely to suddenly alter impressions of a war that the administration had previously acknowledged is a tough slog amid declining public support. The latest Washington Post-ABC News poll found 53 percent of adults say that the war has not been worth its costs, matching last month's highest-ever mark.

Washington Post


Un dollaro 'sta cippa

Seve Jobs - secondo la stima del Wall Street Journal - ha ricevuto dalla società negli ultimi dieci anni 749 milioni di dollari.  Meglio di lui hanno fatto solo Larry Ellison (Oracle, 1,84 miliardi di dollari), Barry Diller (IAC/InterActive e Expedia, 1,14 miliardi di dollari) e Ray Irani (Occidental Petroleum, 857 milioni di dollari).

The Journal analysis includes salaries, bonuses, perks and realized gains on both restricted stock and stock options; it excludes new grants of restricted stock and stock options. The analysis didn't track whether executives sold shares they acquired after they exercised stock options or after previously restricted stock vested.

Wall Street Journal


Ma i War Logs non sono i Pentagon Papers

Il perché lo spiega un vecchio saggio come Walter Pincus.

Another contrast is that the Wikileaks documents are a collection of secret reports from troops in the field covering local intelligence and details of clashes and civilians killed or wounded. Although, as Assange emphasizes, they illustrate more civilian casualties than the military has over the years discussed, it is not as if that subject was unknown. But, unlike the Pentagon Papers, there are no high-level documents here that raise basic questions about the credibility of Presidents Obama and George W. Bush and their top advisors.

Però i documenti messi a disposizione da WikiLeaks serviranno a fornire argomenti a coloro che si oppongono alla guerra in Afghanistan. Che - stando a questo panel di The New Republic - sono sempre di più. Anche tra le teste d'uovo.

Checkpoint Washington (Washington Post), The New Republic


Enough is Enough

Secondo E. J. Dionne Jr. la diffamazione di Shirley Sherrod dovrebbero essere un punto di svolta nella politica USA. Nel senso che dovrebbe essere revocato il diritto di cittadinanza ai "blogger" come Andrew Breitbart che intenzionalmente manipolano i fatti per ragioni biecamente politiche. Ma non c'è da stare allegri. Come dimostrano le reazioni dell'amministrazione Obama alla diffamazione.

The administration's response to the doctored video pushed by right-wing hit man Andrew Breitbart was shameful. The obsession with "protecting" the president turned out to be the least protective approach of all. The Obama team did not question, let alone challenge, the video. Instead, it assumed that whatever narrative Fox News might create mattered more than anything else, including the possible innocence of a human being outside the president's inner circle. [...]

The Sherrod case should be the end of the line. If Obama hates the current media climate, he should stop overreacting to it. And the mainstream media should stop being afraid of insisting on the difference between news and propaganda.

Washigton Post


Prossima fermata: Baghdad

Molto probabilmente il prossimo "colpo" di WikiLeaks sarà mettere a disposizione i log della guerra in Iraq. Sarà interessante andare a cercare quello che ricostruisce la morte di Nicola Calipari.

Wikileaks doesn’t identify its source for the logs. Army intelligence analyst Bradley Manning, who’s being held on charges of leaking some classified material to Wikileaks, claimed in online chats to have leaked a much larger database from the war in Iraq, covering a half-a-million events from 2004 through 2009. Like the Afghan database, the Iraq database purportedly contains latitude-and-longitude information, timestamps and casualty figures, according to the description Manning gave ex-hacker Adrian Lamo, who turned him in to authorities. Manning has not been charged with that purported leak.

Threat Level (Wired USA)


If You Can't Fix it, Forget it

Jay Rosen, con la solita lucidità riflette sulla pubblicazione - da parte di Guardian, New York Times e Spiegel - dei documenti scovati da WikiLeaks sulla guerra in Afghanistan. Mi pare che il punto 8 - che cito per intero -  sia assolutamente convincente. In pratica, quando la stampa rivela cose troppo ingarbugliate perché ci sia anche solo la speranza di metterle sul binario giusto - e giustamente Rosen ricorda anche l'inchiesta del Washington Post  sulla "Top Secret America" - il potere decide di usare il basso profilo, nella speranza che alla fine l'opinione pubblica dimentichi.

8. I’ve been trying to write about this observation for a while, but haven’t found the means to express it. So I am just going to state it, in what I admit is speculative form. Here’s what I said on Twitter Sunday: “We tend to think: big revelations mean big reactions. But if the story is too big and crashes too many illusions, the exact opposite occurs.” My fear is that this will happen with the Afghanistan logs. Reaction will be unbearably lighter than we have a right to expect— not because the story isn’t sensational or troubling enough, but because it’s too troubling, a mess we cannot fix and therefore prefer to forget. Last week, it was the Washington Post’s big series, Top Secret America, two years in the making. It reported on the massive security shadowland that has arisen since 09/11. The Post basically showed that there is no accountability, no knowledge at the center of what the system as a whole is doing, and too much “product” to make intelligent use of. We’re wasting billions upon billions of dollars on an intelligence system that does not work. It’s an explosive finding but the explosive reactions haven’t followed, not because the series didn’t do its job, but rather: the job of fixing what is broken would break the system responsible for such fixes. The mental model on which most investigative journalism is based states that explosive revelations lead to public outcry; elites get the message and reform the system. But what if elites believe that reform is impossible because the problems are too big, the sacrifices too great, the public too distractible? What if cognitive dissonance has been insufficiently accounted for in our theories of how great journalism works… and often fails to work? I don’t have the answer; I don’t even know if I have framed the right problem. But the comment bar is open, so help me out.

Io non ho una risposta precisa, ma mi pare anche che per scuotere le coscienze sia necessaria una narrativa ed è proprio la capacità narrativa - il cucire gli eventi in una forma ricordabile e capace di affrontare il "mouth to mouth", per fare in modo che la gente ne parli alla macchina del caffé e magari se ne ricordi la prossima volta che vota - che rende importante il lavoro del giornalista. Certo, il database è enormemente più dettagliato e, probabilmente, restituisce gli eventi nella loro "granularità" (scusate il calco dall'inglese), ma al tempo stesso - nella loro "granularità" - tutte le guerre si assomigliano: sono processi che trasformano essere umani - giusti e ingiusti - in carne in via di putrefazione. Serve uno scatto in più: per questo - nonostante le spiegazioni di Assange, riepilogate da Rosen al punto 1 - è così importante per WikiLeaks rivolgersi alle cattedrali del giornalismo: sono loro che - ancora per poco probabilmente - costruiscono gli abiti su misura dalla stoffa grezza dei log militari (se non avete voglia si spulciare il database, date un'occhiata a quelli citati da Marc Ambinder qui).

PressThink, paferrobyday, ComputerWorld, Marc Ambinder


Una sporca guerra ovvero The Afghanistan Papers

Il New York Times, il Guardian e Der Spiegel hanno appena pubblicato una serie di  inchieste  a partire dai documenti (più di 90mila report, ma ne sono stati pubblicati circa 77.000 per ragioni di sicurezza)  resi disponibili da WikiLeaks sulla guerra in Afghanistan (ecco l'intervista del Guardian a Julian Assange). Si tratta di una massa enorme di carte riservate che danno un ritratto della situazione in Afghanistan molto più preoccupante di quello dei documenti ufficiali, anche se l'ammistrazione Obama ribatte che la situazione descritta dai report è precedente al massiccio aumento di uomini e risorse degli ultimi mesi. Comunque ecco lo speciale del Guardian ("The War Logs") e quello del New York Times ("The War Logs"). Qui, invece, quello dello Spiegel ("The Afghanistan Protocol", in inglese)

Questi sono i punti principali  dei documenti, secondo il Guardian:

• How a secret "black" unit of special forces hunts down Taliban leaders for "kill or capture" without trial.

• How the US covered up evidence that the Taliban have acquired deadly surface-to-air missiles.

• How the coalition is increasingly using deadly Reaper drones to hunt and kill Taliban targets by remote control from a base in Nevada.

• How the Taliban have caused growing carnage with a massive escalation of its roadside bombing campaign, which has killed more than 2,000 civilians to date.

Il New York Times, invece, parla molto più diffusamente dei sospetti, da parte degli alleati occidentali, che il Pakistan aiuti, anzi diriga, l'insurrezione talebana.

New York Times, Guardian, Spiegel


Anche Tony è caduto nel pozzo

HaywardDudley
Tony Hayward ormai è in partenza. Il nuovo CEO  di BP sarà Bob Dudley. L'atterraggio per Hayward, però, è morbido: un milione di sterline di mancia e 10 milioni per la pensione.

The plan before the board would elevate Mr. Dudley to the CEO spot on Oct. 1, allowing for a roughly two-month transition from Mr. Hayward, according to someone familiar with the plan. Mr. Hayward would stay on the board for the rest of the year. As expected, he will discuss BP's second-quarter results on Tuesday. (WSJ)

Wall Street Journal, Financial Times