Previous month:
maggio 2008
Next month:
luglio 2008

giugno 2008

Nozze e fichi secchi

Vittorio Pasteris riflette sullo stato del giornalismo online in Italia.

E’ banale ma va chiarito che se si ha disposizione una redazione di 250 giornalisti e un budget di diciamo 100 per un giornale cartaceo e se invece si dispone di una redazione di 15 persone e di un budget diciamo di 3 per un sito on-line, c’è poco spazio di manovra per sperare di realizzare un giornalismo meno mediato.
L’obiettivo editoriale di realizzare dei siti di news generalisti che coprano tutte le sezioni tematiche dei giornali tradizionali è uno sforzo che richiede di ottimizzare le poche risorse disponibili per realizzare comunque dei prodotti di qualità per quello che riguarda la completezza, l’onestà e la tempestività dell’informazione.
Si tratta dello stesso problema con cui devono convivere le redazioni radiofoniche e televisive di emittenti di piccole e medie dimensioni, che possono permettersi poche risorse e molta produttività. Per questi il problema di realizzare il pane, non di poter pensare al companatico.
Questo non vuol dire però che il giornalismo digitale deve essere per forza un giornalismo “povero” o “di bassa qualità”. Con risorse, budget e tempo a disposizione le redazioni on-line potranno senza problemi dedicarsi a inchieste, approfondimento, analisi, opinioni.

Il discorso è naturalmente molto più articolato, ma la dura realtà è questa.

LSDI


Il voto latino

Considerati i fischi per McCain e le ovazioni per Obama alla "National Association of Latino Electted and Appointed Officials" è probabile che il problema "voto ispanico" lo abbiano i repubblicani e non i democratici. E comunque la geografia politica degli Stati Uniti sta cambiando.  Intanto il vecchietto ha problemi con il cellulare.
Political Radar, Washington Post, Crook and Liars


La catena di San Obama

Il WP oggi pubblica un interessante articolo sulla moltiplicazione via internet delle voci su Barack Obama, dipinto come un musulmano che si dipinge da cristiano. Le conclusioni  di Danielle Allen - la docente di Scienze politiche  che ha studiato il  fenomeno - sono scoraggianti, almeno per chi crede che la Rete sia un toccasana per la democrazia.

"Citizens and political scientists must face the fact that the Internet has enabled a new form of political organization that is just as influential on local and national elections as unions and political action committees," she says. "This kind of misinformation campaign short-circuits judgment. It also aggressively disregards the fundamental principle of free societies that one be able to debate one's accusers."

Questa, invece, è la versione gentile: gente con pochi mezzi che riesce a entrare nel procresso politico.

Washington Post, New York Times


Agostiiinoooo!

Ha ragione Guia Soncini. Va bene tagliare i contributi al cinema italiano - sopravviveremo anche senza Sorrentino , ma le intercettazioni, no, quelle non si toccano. E' che son tutti intellettuali e odiano il nazional-popolare.

E comunque pochi cazzi: tutti a dibattere su quanto sia sbagliato levare i finanziamenti al cinema che è una tanto rilevante espressione culturale e una tale attrattiva per le masse, e poi volete levarci le intercettazioni? Guardatemi in faccia, e ditemi se un Sorrentino qualunque vi ha mai intrattenuto un decimo di Silvio&Ago.

Io aggiungo solo che Berlusconi è troppo poco Berlusconi nelle intercettazioni. Dovrebbe farsi doppiare da Fiorello. Per Saccà. invece, ci vorrebbe un Gianni Agus redivivo. Insomma, la meglio spalla del bigoncio.


Unity e la corsa verso il centro

Barack Obama e Hillary Rodham Clinton - definiti gli aspetti economici (Obama pagherà parte dei debiti di HRC, cioè restituirà a Hillary i soldi da lei impiegati per smerdarlo) - hanno fatto il tanto atteso comizio assieme. Intanto il senatore nero dell'Illinois sterza verso il centro. Ma non è solo per opportunismo (o almeno ha cominciato le manovre da un bel po' di tempo).
The Caucus, Andrew Sullivan


Estrazione di plusvalore

Il nuovo iPhone costa ad Apple circa 50 dollari meno del modello precedente. Peccato che i prezzi - per i modelli non bloccati - non è che siano diventati popolari. E fin qui tutto bene. Ma qualcuno mi spiega cosa se ne fa uno normalmente nerd di un piano tariffario (come quello di Tim, secondo i soliti ben informati) che prevede un solo maledettissimo  giga mensile di traffico dati? Se devo vedere le mail in modalità testo,  basta il Blackberry.
Business Week, MelaBlog


Angry Midlife Women

Pare che le supporter  di HRC minaccino di lanciarsi con cinture esplosive sul quartier generale di Barack Obama. O, almeno, di votare per McCain.

“Voting for Obama is like going to bed with your rapist,” said one supporter in an e-mail that was circulated to a Clinton support group. “Hillary has raised money for these people, campaigned for them and they betrayed her. Now you all want her to be a “nice girl” and hand her political base over to Obama. You must be daft.”

Financial Times


Ornamento e delitto

La nuova, minimale, grafica del weblog di Luca Sofri sarebbe stata apprezzata dal maestro dell'eroe eponimo del suo blog (il quale, del resto,  pare abbia fatto impazzire gli operai che costruivano la casa della sorella con le sue menate sulla sezione aurea  e l'arte della fuga delle mattonelle). Io rimpiango un po' i corsivi.
Wittgenstein, Wikipedia